BLUE PANORAMA: AL VIA IL COLLEGAMENTO TRA L’ITALIA E IL SENEGAL

Partito Venerdi 23 ottobre 2020 il primo volo che collega l’Italia con il Senegal. Il volo diretto è partito dall’aeroporto di Milano Bergamo operato da Blue Panorama Airlines, compagnia aerea di bandiera italiana.

I collegamenti da Milano Bergamo Airport a Dakar sono previsti tutti i venerdì, mentre ogni sabato è previsto il volo da Dakar a Milano Bergamo con partenza alle ore 00:40 e arrivo alle ore 07:20 local time.

“Per la fine del 2020 e l’inizio del 2021 vogliamo continuare ad ampliare il network delle destinazioni leisure e business invernali, con particolare riferimento all’aeroporto di Milano Bergamo” – ha commentato Remo Della Porta, Direttore Commerciale di Blue Panorama Airlines“Il primo volo, che ha inaugurato il collegamento diretto tra l’Italia e il Senegal, conferma questo nostro obiettivo, oltre a rispondere a un’esigenza di mercato e a rafforzare la nostra presenza e il nostro rapporto di collaborazione con l’aeroporto di Milano Bergamo.

Il collegamento diretto con Dakar, distanza da coprire circa 4.300 km, è al momento il nostro volo più a lungo raggio – commenta Giacomo Cattaneo, direttore aviation di SACBO – Questa rotta risponde alla domanda della comunità senegalese che risiede numerosa in provincia di Bergamo, in Lombardia e nelle aree confinanti, da cui l’aeroporto di Bergamo è facilmente raggiungibile grazie alla posizione baricentrica e ai nodi autostradali che lo servono. L’attività di servizio è da sempre una priorità del nostro scalo e la collaborazione con Blue Panorama ci consente di operare su una direttrice che sappiamo essere molto richiesta, anche per i tanti interessi di natura economica e commerciale che legano nord Italia e Senegal.

A partire dal 14 dicembre saranno intensificati i collegamenti con i voli in partenza dall’aeroporto di Milano Bergamo il lunedì, il mercoledì e il venerdì e i voli in partenza da Dakar il martedì, il giovedì e il sabato.

© Riproduzione riservata

Ripresa operazioni voli Ryanair all’Aeroporto di Milano Bergamo

La partenza del volo con destinazione Madrid, il cui decollo è avvenuto puntualmente alle 6:45 di domenica 21 giugno, ha segnato la ripresa delle operazioni di Ryanair sull’Aeroporto di Milano Bergamo.

Nel primo giorno di ripresa dei collegamenti, sono stati programmati sette voli in partenza e altrettanti in arrivo. Ripristinati i collegamenti con Catania, Ibiza, Madrid, Palma, Manchester, Alghero e Atene.

Altre 20 rotte verranno riattivate nei giorni successivi: Bari, Cagliari, Bruxelles-Charleroi, Berlino-Schönefeld, Lisbona, Pescara, Valencia, Barcellona-El Prat e Sofia dal 22 giugno; Brindisi, Palermo, Londra-Stansted, Lamezia Terme, Budapest, Napoli, Manchester, Cracovia, Dublino e Malaga dal 23 giugno; Bucarest dal 27 giugno.

Dal 1° luglio Ryanair incrementerà ulteriormente il numero di rotte e la loro frequenza, come parte integrante dell’operativo per l’estate 2020 da e per l’aeroporto di Milano Bergamo, che comprende 93 rotte, di cui 11 nazionali – Bari, Brindisi, Palermo, Lamezia Terme, Cagliari, Catania, Napoli, Pescara, Alghero, Crotone, Trapani – e 82 internazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

(Foto: ph. Kamal Haroui)

Aeroporto di Orio al Serio: L’App per segnalare situazioni di pericolo

Si tratta di 1Safe un’applicazione gratuita già attiva in una cinquantina di Comuni della Lombardia, una volta scaricata l’app sarà sufficiente fornire il proprio numero di telefono per registrarsi e avere così la possibilità di inviare segnalazioni, anche corredate da foto, anonime e sempre rispettose della privacy.

Il Caravaggio è il primo scalo in Italia a mettere a disposizione degli utenti che vi transitano; uno strumento multimediale per poter Segnalare con un solo clic, qualsiasi situazione di pericolo in ambito aeroportuale.

Uno strumento di sicurezza condivisa che permette a ogni utente, in qualsiasi momento, di essere parte attiva nel processo di risoluzione dei problemi; sono varie le cose che possono essere segnalate ad esempio il bagaglio abbandonato e incustodito, un articolo sospetto, un veicolo , il drone, aggressioni, una persona sospetta e una persona molesta, un incendio; sì potra inoltre segnalare anche altre tematiche legate al Covid-19.

Tutte le segnalazioni raggiungono in tempo reale la sala operativa “control room” presidiata H24 dalle guardie giurate e da tutti gli operatori incaricati della sicurezza sparsi all’interno dello scalo: la guardia giurata quindi verifica la segnalazione e l’area dalla quale proviene grazie alla geolocalizzazione e visionando le telecamere valuta immediatamente se la situazione richiede il suo intervento o quello della polizia di frontiera per i casi più delicati cosi che si attivano le procedure previste dal programma di sicurezza aeroportuale.

Tramite il proprio Smartphone ogni utente che invia una segnalazione avrà anche la possibilità di seguire l’evoluzione della situazione, con un feedback che lo informerà sull’esito finale.

La sicurezza non può essere imposta solo dall’alto, deve essere il risultato di un processo trasversale e partecipato; la sicurezza è responsabilità di tutti .

© Riproduzione riservata

L’AEROPORTO DI MILANO BERGAMO SI CANDIDA A DIVENTARE “BIKE FRIENDLY”

Lo sviluppo infrastrutturale dell’Aeroporto di Milano Bergamo sempre più orientato al profilo di intermodalità
articolata che va dal progetto del collegamento ferroviario con l’aerostazione all’estensione della rete di
accessibilità attraverso la ramificazione delle piste ciclabili.
Obiettivi contenuti nel Piano di Sviluppo Aeroportuale al 2030 e richiamati dal presidente di SACBO, Giovanni
Sanga, a margine della fiera dei territori AGRI TRAVEL, nel cui contesto si è svolto il webinar internazionale sul
tema “MOBILITÀ E ACCESSIBILITÀ”. Grazie all’impegno assunto da SACBO per la creazione di un anello
perimetrale ciclabile, che valorizzi i tratti di viabilità minore e campestre e consenta la connessione con i percorsi
ciclo-pedonali del territorio, lo scalo bergamasco si candida a diventare il primo “aeroporto Bike Friendly” in
Italia.

“SACBO prosegue nel piano di investimenti per l’esecuzione delle opere in programma con l’obiettivo di offrire
spazi sempre più adeguati alle esigenze di passeggeri e operatori, implementando anche la serie dei servizi
legati alla mobilità – ha dichiarato Giovanni Sanga – Saremo pronti al graduale ritorno del traffico aereo ai livelli
pre-Covid, allo scopo di garantire piena efficienza in chiave operativa e offrendo motivi e opportunità in più per
preferire l’aeroporto di Milano Bergamo come punto di riferimento per accedere al territorio lombardo”.
SACBO ha provveduto nel 2017 al prolungamento, verso l’area a sud dell’autostrada, del tracciato ciclopedonale che collega l’aeroporto al comune di Orio al Serio e alla città di Bergamo. Il Piano di Sviluppo
Aeroportuale prevede una serie di interventi di completamento dell’anello ciclabile attorno al sedime
dell’aeroporto, con l’obiettivo di garantire l’accessibilità ciclo-pedonale da e per l’area aeroportuale, non solo a
beneficio dei passeggeri ma anche in risposta alle esigenze di mobilità di quanti svolgono attività lavorative nello
scalo (che comprendono ogni giorno in media 5mila persone potenzialmente interessate alla mobilità
alternativa).
L’Aeroporto di Milano Bergamo, che ha avviato fin dal decennio scorso il programma di interventi per abbattere
le emissioni di CO2, si appresta a ottenere il livello 3 della certificazione Airport Carbon Accreditation, rilasciata
da ACI Europe (Consiglio Internazionale degli Aeroporti Europei).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SACBO CELEBRA I 50 ANNI DI FONDAZIONE

Cinquant’anni fa, il 16 luglio 1970, nella sede della camera di Commercio di Bergamo ,veniva costituita la SACBO – Società per l’Aeroporto Civile di Bergamo Orio al Serio; sotto l’aspetto puramente operativo, esattamente un anno dopo l’atto di costituzione di SACBO , il 16 Luglio 1971, il Consiglio Superiore dell’Aviazione Civile diede parere favorevole all’inizio dei voli, consentendo di operare i collegamenti con Roma ,Cagliari, Alghero e Catania.

Non c’è dubbio che la svolta sia stata rappresentata, trent’anni dopo la costituzione di SACBO, ha dichiarato Giovanni Sanga Attuale Presidente di SACBO, un’altra felice, e diremo pure coraggiosa intuizione: scommettere sul trasporto low cost, sulle compagnie aeree senza fronzoli.

Ci ha creduto fermamente l’allora presidente Ilario Testa, artefice con i suoi diretti collaboratori (Francesco Fassini, nel 2000 direttore commerciale, e Giacomo Cattaneo, attuale direttore aviation di SACBO ) .

Ilario Testa

Il successo dell’aeroporto va ricondotto certamente alla capacità di impegno di risorse economiche proprie, frutto di investimento dei profitti di gestione registrati con continuità dal 1996, ma un accento particolare va posto sul contributo delle risorse umane che, dai livelli dirigenziali alle mansioni operative di base .

Per questa occasione SACBO ha deciso di omaggiare tutti coloro i quali hanno prestato la propria opera alle dipendenze dell’azienda e al servizio dell’aeroporto racchiudendoli idealmente nella citazione ” L’AEROPORTO DEI MILLE “, 1044 dipendenti. Figure che hanno assolto mansioni a vari livelli .

In occasione dei 50 anni di Sacbo è stata inaugurata la nuova ala per i voli extra-Schengen, alla presenza del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli , il presidente di Enac Nicola Zaccheo e l’amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile, oltre alle principali autorità politiche, militari, sociali ed economiche della città e della provincia.

Una nuova ala per il traffico aereo extra-Schengen, con arrivi posti al piano terra e partenze al piano superiore, con il raddoppio da 5 a 10 gate di imbarco

Guardiamo al futuro con grande ottimismo, con noi che siamo chiamati a regolare il settore e voi che con visione,ambizione e operosità avete portato questo aeroporto a risultati importanti: ha dichiarato la Ministra dei Trasporti Paola Di Micheli. Il nostro piano per gli aeroporti rafforzerà il ruolo di Orio a livello nazionale, anche dal lato cargo , il sistema paese ha bisogno dei Courrier , e il periodo del Lockdown ne ha dimostrato l’mportanza del settore Cargo.

Oggi è un giorno di festa per l’aeroporto e per la città. Questo aeroporto racconta Bergamo e ha contribuito molto a fare di Bergamo quello che è oggi. Ha spalancato le finestre al mondo, in entrata e in uscita. E’ stata la leva dello sviluppo del territorio e i tanti posti di lavoro creati ne sono il segno. “Questo aeroporto ha reso Bergamo una città europea” ha detto il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

Il collegamento da Bergamo a Orio al Serio avrà un costo di 170 milioni di euro finanziano in buona parte con il decreto per gli Olimpiadi e il resto con il contratto tra RFI e MIT per il 2020; sarà un tracciato di 5 Km che parte dalla Stazione di Bergamo e affiancherà la linea già esistente verso Brescia per mille metri diramandosi poi verso l’aeroporto; in corrispondenza dello scalo verrà interrato per il rispetto del cono di volo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ph @Kamal Hraoui

Air Albania inaugura nuovo collegamento con Tirana

L’Aeroporto di Milano Bergamo ha accolto il primo volo della compagnia aerea Air Albania
proveniente da Tirana.
La compagnia di bandiera albanese, fondata nel 2018 da Turkish Airlines e dal governo
dell’Albania, opera il collegamento con Tirana impiegando un Airbus A319 da 128 posti, 8 posti
in business + 120 posti in economy, alternando un Boeing 737-800 da 151 posti configurato con
16 posti business + 135 economy.

L’offerta di Air Albania si aggiunge a quelle delle compagnie aeree Blue Panorama e Wizz Air.
Si amplia così il network dei voli con la capitale albanese dall’Aeroporto di Milano Bergamo, sia
in termini di frequenze e orari, sia di soluzioni tariffarie.

Il primo Master italiano in Aviation Management

Si è tenuta oggi, 10 Luglio 2020, presso Villa Clerici prestigiosa sede di Milano della
School of Management dell’Università LUM Jean Monnet, la conferenza stampa di
presentazione dell’Executive Master in Aviation Management.
Il progetto nato da una partnership tra la School of Management dell’Università LUM Jean
Monnet, SEAS srl, AEA Aircraft Engineering Academy e MB Group; collaborazione
guidata dalla direzione del Dott. Alessandro Cianciaruso e del Prof. Marco Bacini, che
ha dato vita al primo ed unico Master in Italia di questo tipo, con l’ambizione di formare i
nuovi manager nel campo aviation.
Ad aprire l’intervento il Prof. Marco Bacini, CEO di MB Group, che ha sottolineato
l’importanza di contribuire in ambito accademico con materie totalmente innovative, che
garantiscano qualità dal punto di vista teorico e know-how sul campo pratico, “Creare un
percorso professionale per raccordare dimensione accademica e mondo del lavoro”.

Quali gli obiettivi del Master? “Cerchiamo di creare una professione altamente
specializzata, con la collaborazione di docenti che hanno gestito il nostro settore ai
massimi livelli in Italia” ha spiegato il Dott. Alessandro Cianciaruso, CEO SEAS srl.
Hanno voluto essere presenti i docenti Emilio Bellingardi Direttore Generale Sacbo spa
che ha dichiarato come “la finalità del Master sia proprio quella di allargare ed elevare il
livello di professionalità nel nostro Paese, per raggiungere i livelli di alta managerialità che
distinguono altri Stati”.
Presenti anche Amelia Corti CEO della BIS (BGY International Services), Lorenzo
Mantegazza Security Manager dello scalo di Bergamo Orio al Serio, Elia Pistola Regional
Director SEAS operazioni Ryanair in Italia, Enrico Maria Malato Regional Manager SEAS
operazioni Ryanair in Italia, Elia Vantini Training Manager AEA (Aircraft Engineering
Academy), Remy Cohen e Federico Maria Alberto Caligaris della Cohen & Co Advisors.
Ha partecipato alla conferenza anche il Dott. Stefano Gualandris, esperto in materie
aerospaziali e di difesa, membro del distretto aerospaziale Lombardo, di AIAD, ed in
Svizzera dello Swiss Space Center e dello Swiss Aerospace Cluster.
In chiusura l’intervento del prorettore dell’Università LUM Jean Monnet, Prof. Francesco
Manfredi, che si è dichiarato soddisfatto della capacità di istituire ed organizzare corsi
formativi altamente professionalizzanti, e che vadano oltre il mero percorso accademico, e
ha illustrato come il progetto non sia solo formazione professionale, ma anche costituzione
di un patrimonio di conoscenze attraverso una specializzazione che possa generare
innovazione sociale, sia nell’impresa privata, sia nella comunità.
Il Master sarà anche il punto di partenza per l’istituzione di un tavolo permanente che
faccia da osservatorio per lo studio, la ricerca e l’approfondimento in tema aerospaziale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ALBASTAR ATTIVA 5 COLLEGAMENTI DALL’AEROPORTO DI MILANO BERGAMO

La compagnia aerea Albastar garantirà cinque collegamenti dall’Aeroporto di Milano
Bergamo nell’estate 2020, impiegando uno dei cinque B737-800NG della propria flotta, configurati
a 189 posti in classe unica, che rispettano i più severi e stringenti standard di sicurezza richiesti da
EASA.

Dal 4 e 5 luglio sono stati attivati, rispettivamente, i voli per Lamezia del sabato e Brindisi che
viene effettuato ogni domenica, entrambi fino al 20 settembre.
Dal 25 luglio, ogni sabato, Albastar opera il collegamento con Olbia, garantito fino al 12
settembre, e con Lampedusa, fino al 3 ottobre. Dal 2 agosto al 13 settembre ogni domenica è
programmato il volo per Catania.
Con questa ampia offerta, Albastar risponde alla domanda di traffico vacanziero
dall’Aeroporto di Milano Bergamo verso sud Italia e le isole, potenziando i collegamenti e offrendo
opportunità di viaggio estese all’intero periodo estivo e oltre.

AlbaStar è una compagnia aerea spagnola a capitale privato che svolge attività charter e di linea. Tutti gli aeromobili AlbaStar sono configurati in classe unica.

In base alla destinazione di viaggio vengono offerti snack ed una selezione di bevande. È comunque presente a bordo il servizio di “bar sales”.

Su tutti i voli è presente la rivista di bordo , mensile di approfondimento sul mondo del turismo, dei viaggi, dell’enogastronomia, delle manifatture e del Made in Italy.

Info e prenotazioni: http://www.albastar.es – Call Center +39 095 311 503 – callcenter@albastar.es

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SACBO certificata nella prevenzione dal rischio COVID-19

SACBO si è vista riconoscere dal prestigioso organismo TÜV SÜD, uno dei maggiori provider
di certificazione, la piena e corretta applicazione delle misure di prevenzione dal rischio COVID-19
messe in atto negli ambienti delle infrastrutture di scalo e di ufficio. La relativa certificazione,
ottenuta attraverso rigorosi controlli, conclude un percorso iniziato nello scorso mese di marzo 2020
per garantire una ripartenza sicura delle attività aeroportuali dello scalo di Bergamo-Orio al Serio.
Applicando un percorso metodologico che si fonda sui sistemi di gestione certificati ISO 9001
(Qualità), ISO 14001 (Ambiente), ISO 45001 (Salute e sicurezza sul lavoro), ISO 27001 (Sicurezza delle
informazioni), SACBO ha inserito nel proprio modello di attività gli elementi necessari per
l’attuazione delle best practices e dei requisiti cogenti applicabili alla prevenzione del COVID-19.
I requisiti citati prendono a riferimento le normative italiane ed europee e beneficiano
dell’esperienza effettuata dal gruppo TÜV su scala globale nei progetti di gestione del rischio
pandemico, ma non solo.

Il percorso ha visto il coinvolgimento, oltre che delle varie direzioni aziendali, anche di
rappresentanti degli stakeholders esterni quali, ad esempio, il Comitato Utenti dello scalo. Questo
contributo ha permesso di beneficiare di sensibilità estese, apportando un indirizzo tecnico nella
predisposizione dei requisiti da verificare.
Il completamento del processo di verifica verrà a breve sancito dall’emissione
dell’attestazione di conformità TÜV SÜD HYGIENESYNOPSIS: un documento di estremo valore, che
verrà formalmente consegnato a SACBO.
Alla società di gestione aeroportuale sono pervenute le congratulazioni di TÜV per l’impegno
profuso nei confronti dei viaggiatori e operatori dello scalo di Bergamo-Orio al Serio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SACBO certificata nella prevenzione dal rischio COVID-19

SACBO si è vista riconoscere dal prestigioso organismo TÜV SÜD, uno dei maggiori provider
di certificazione, la piena e corretta applicazione delle misure di prevenzione dal rischio COVID-19
messe in atto negli ambienti delle infrastrutture di scalo e di ufficio. La relativa certificazione,
ottenuta attraverso rigorosi controlli, conclude un percorso iniziato nello scorso mese di marzo 2020
per garantire una ripartenza sicura delle attività aeroportuali dello scalo di Bergamo-Orio al Serio.
Applicando un percorso metodologico che si fonda sui sistemi di gestione certificati ISO 9001
(Qualità), ISO 14001 (Ambiente), ISO 45001 (Salute e sicurezza sul lavoro), ISO 27001 (Sicurezza delle
informazioni), SACBO ha inserito nel proprio modello di attività gli elementi necessari per
l’attuazione delle best practices e dei requisiti cogenti applicabili alla prevenzione del COVID-19.
I requisiti citati prendono a riferimento le normative italiane ed europee e beneficiano
dell’esperienza effettuata dal gruppo TÜV su scala globale nei progetti di gestione del rischio
pandemico, ma non solo.

Il percorso ha visto il coinvolgimento, oltre che delle varie direzioni aziendali, anche di
rappresentanti degli stakeholders esterni quali, ad esempio, il Comitato Utenti dello scalo. Questo
contributo ha permesso di beneficiare di sensibilità estese, apportando un indirizzo tecnico nella
predisposizione dei requisiti da verificare.
Il completamento del processo di verifica verrà a breve sancito dall’emissione
dell’attestazione di conformità TÜV SÜD HYGIENESYNOPSIS: un documento di estremo valore, che
verrà formalmente consegnato a SACBO.
Alla società di gestione aeroportuale sono pervenute le congratulazioni di TÜV per l’impegno
profuso nei confronti dei viaggiatori e operatori dello scalo di Bergamo-Orio al Serio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL 1° LUGLIO FORTE INCREMENTO DI VOLI E DESTINAZIONI DA MILAN BERGAMO AIRPORT

Forte ripresa dei voli passeggeri dal 1° luglio all’Aeroporto di Milano Bergamo. Come da
programmazione, annunciata nelle scorse settimane, dopo avere riavviato le operazioni lo scorso
21 giugno ed essere arrivata a servire nella prima settimana 27 destinazioni, Ryanair ne aggiunge
altre 52 coprendo il proprio network estivo, sebbene con un numero di frequenze ancora limitato.
Tornano i voli giornalieri con le destinazioni del sud Italia e con Barcellona, in attesa del graduale
incremento atteso nelle settimane successive. Nella giornata del 1° luglio sono stati programmati
38 voli in partenza, 9 dei quali su rotte nazionali. Tra essi, quelli operati da Wizz Air, che ha ripreso
i voli il 18 maggio, Blue Air, che dal 1° luglio riattiva il collegamento con Bacau, Air Arabia Egypt per
Il Cairo. Volotea, che ha iniziato a operare il 18 giugno, prosegue la sua regolare programmazione
con il collegamento verso Olbia e quelli del weekend con Lampedusa e Pantelleria.
Nel contempo, riaprono le attività di vendita retail e i servizi di somministrazione bar e
ristorazione, che torneranno tutti disponibili nel fine settimana del 4 e 5 luglio.
Sul fronte dei servizi esterni all’aerostazione, sono disponibili le aree di parcheggio P1 Sosta Breve
e P2 Lunga Sosta, mentre dal 21 giugno è stato ripristinato il collegamento a mezzo bus con la
stazione centrale di Milano con frequenza oraria, dalle 5 del mattino alle 1 di notte in partenza
dall’aeroporto di Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA